Museo dele Clanfe

LoginRegister

xe gratis e xe pratico !

 

Da "IL PICCOLO" di Trieste di mercoledì 5 marzo 2014

2014 03 05 franca c porfirio il piccolo WEB

LA LETTERA DEL GIORNO

Trieste al top della vivacità giovanile. Sì, ma quale?

Ho letto sulla stampa nazionale che un gruppo di ricercatori ha elaborato un “Indice di vivacità giovanile” relativo alla fascia di popolazione tra i 15 e i 29 anni. Nella relativa classifica delle 110 province italiane, Trieste si trova nella fascia più alta di vivacità giovanile, il primo decile, e precisamente al 7º posto. Come interpretare questo dato?
Se “In medio stat virtus”, come dicevano i latini riprendendo Aristotele, questo dato estremo di alta vivacità giovanile a Trieste può riflettere anche un certo eccesso del lato negativo di questa vivacità giovanile che purtoppo si sperimenta a Trieste in tanti piccoli episodi molesti di maleducazione quotidiana.
Ne sono esempi gli zainetti che ti vengono sbattuti in faccia sugli autobus, le ostruzioni dei marciapiedi all'uscita delle scuole nella totale indifferenza verso i passanti, le parolacce urlate in mezzo alla strada senza rispetto per la sensibilità altrui, i tuffi a Barcola con lunghe rincorse e cadute in mare rasenti alle persone per sollevare getti d'acqua con lo scopo di bagnare chi non lo desidera, certi modi provocatori di atteggiarsi in pubblico che mettono in imbarazzo la decenza, il rumore assordante e ripetitivo di una cosiddetta musica tenuta ad alto volume fino a tarda sera nei locali della movida, il chiacchiericcio nei bar sotto le case che continua fino a tarda notte, gli incontri indesiderati con giovani alticci che capitano specialmente nei fine settimana uscendo di casa la mattina presto.
Questo eccesso del lato negativo della “vivacità giovanile” va affrontato con regole più stringenti e con la loro effettiva applicazione da parte delle autorità preposte, ma anche con un impegno coordinato delle istituzioni a tutti i livelli per la diffusione di un modello educativo che trasmetta ai giovani la consapevolezza dei valori e dei disvalori, per esempio autodisciplina contro menefreghismo nel comportamento, modestia contro narcisismo nell'atteggiamento, decoro contro trasandatezza nell'aspetto. L’inversione della tendenza alla decadenza, non solo economica, ma prima di tutto morale della città, comincia anche dal ripristino di una vivacità giovanile sana e responsabile, centrata sullo studio, lo sport e e le arti.
Franca C. Porfirio

copyright © 2014 IL PICCOLO - tutti i diritti riservati

Sostieni SPIZ

SPIZ è una Associazione di Promozione Sociale (A.P.S.) riconosciuta a livello istituzionale (iscrizione n.572 al Registro Regionale del Friuli Venezia Giulia delle Associazioni di Promozione Sociale con Decreto n.8/CULT dell'8 gennaio 2016).

SPIZ A.P.S. è costituita al fine di svolgere attività di utilità sociale a favore di associati o terzi, promuovendo e/o sostenendo progetti e attività qualificate, con finalità formative, educative, culturali e di ricerca.

SPIZ A.P.S. opera su base volontaria e senza finalità di lucro.

Ne consegue che per sviluppare le proprie attività ha bisogno dell'aiuto di tutti. Anche del Vostro.

Chiunque desiderasse sostenerci può farlo in qualsiasi momento scegliendo il metodo di sostegno preferito.

 
 
 
Donazione Libera tramite PayPal
 

Idea Park Hotel Obelisco

 
 

251 CITTADINI

HANNO GIÀ SCRITTO COSA FARE

 

TU COSA FARESTI?

signature white

 

Facebook SPIZ

Facebook Olimpiade dele Clanfe

Facebook Rampigada Santa