Scala Santa (il percorso)

Login

xe gratis e xe pratico !

 
trieste vue prise de escalier saint WEBScala Santa era una via molto importante e trafficata del passato storico di Trieste. Basti pensare che fino al 1780 era l'unica strada (ovviamente pedonale) che univa Trieste a Opicina (infatti nella mappa del 1822 viene trascritta Strada d'Opchina). Tutti i produttori agricoli dell'altipiano carsico la usavano per raggiungere la città e poter vendere i loro prodotti. Viceversa tutti i cittadini triestini che volevano raggiungere il Carso, soprattutto quando d'estate l'afa della città diventava insopportabile, dovevano "farsi" inevitabilmente Scala Santa.
 
Scala Santa in una foto dei primi del '900Il toponimo sembrerebbe derivare dalla “Scala Santa” di tradizione cristiana (quella per intenderci che Gesù Cristo salì per presentarsi davanti a Ponzio Pilato al Sinedrio), ma la “nostra” Scala Santa invece potrebbe aver preso il suo nome da uno dei tanti miscugli filologici tra sloveno e italiano, tipici del capoluogo giuliano. Nella parte alta della via l'acqua sgorgava copiosa dalla roccia, che in sloveno si dice skala, e l'acqua da sempre è stata una risorsa pregiata sull'altipiano carsico. Per cui ecco che quel miscuglio di marna e arenaria (skala appunto), proprio grazie alla presenza della vitale risorsa idrica, diventa "santo"; da cui ecco il toponimo “Roccia Santa”, Skala Santa, Scala Santa. Ma che la zona fosse sempre stata ricca di preziosa acqua lo dimostra la piazzetta a valle della via ancor'oggi si chiama Piazza tra i Rivi.
 
1950 circa Scala Santa Osteria de Doro con Doro e sua moglieScala Santa può essere considerata la madre di tutte le dissuasive - per ciclisti e pedoni - salite triestine. Questa storica erta collega il popoloso rione di Roiano all'altipiano carsico. La via comincia alla confluenza di via Villan de Bachino, via Montorsino e via Giusti, a un'altitudine di soli 18 metri s.l.m., e dopo circa 2.000 metri di tornanti, rampe e pavè, superando 326 metri di dislivello, arriva ai 343 metri s.l.m. dell’Obelisco. La pendenza media è del 16,2% ma ci sono dei tratti quasi al 20% e comunque non si scende mai sotto il 10%. Queste pendenze, il fondo in pavè, la sola idea di affrontarla, sono alla base della sua mitica fama.
 
1959 - Osteria de Mondo - Panorama della città di Trieste con sullo sfondo Nave Vulcania o SaturniaOggi Scala Santa è una specie di via-dormitorio di lusso. Dappertutto troppe automobili e scooter che sembrano letteralmente aggrappati ai marciapiedi.
 
L’inizio di Scala Santa sembra semplice, ma è un falso avvertimento. Ben presto, girata la prima curva, la strada comincia a salire. Passata la prima di una lunga serie di fontanelle si raggiunge una specie di piazzetta, e da qui in poi si comincia a fare decisamente sul serio e fino all'Obelisco non si molla praticamente mai.
 
L’osteria di “Doro” non esiste più, come i negozi e le altre trattorie, tipo la vecchia osteria di “Mondo”, all'altezza della terza fontana, dove ruspe un po' ingorde hanno fatto posto a villette che regolarmente scatenano le ire e i timori dei residenti. Nonostante questa modernizzazione, si respira ancor'oggi molta storia. Dalle parti del numero civico 147 c’è il segnale che indica l’inizio di Trieste. Poco distante la splendida proprietà della famiglia Ralli con le sue tre querce maestose, nella cosiddetta località “Stajce”, altro intarsio sloveno che segnala come una volta lì fosse zona di pascoli. Più su ci sono i pastini dei vignaioli Stanko Hrovatin e Tullio Dodini, lui anche ingegnere, che continuano a produrre il vino di Scala Santa. Superato il ponte sulla ferrovia, nascosto dall'edera, c'è il cippo tedesco (el Cippo dela Dogana) che un tempo segnava il dazio doganale, un confine insomma. Più su il comprensorio della SISSA, ex Sanatorio ora scuola per geni. Poi, l’ultimo tratto rettilineo con una vista spettacolare che termina al piazzale dell’Obelisco.
 
scala santa altimetriaScala Santa è una salita davvero impegnativa! Qualunque atleta che abbia il senso del sacrificio sportivo e abbia a cuore la prestazione si è cimentato su questa rampa.
 
La "Rampigada Santa" è la sua crono-scalata!
 
Fonti:
- Il mitico e inossidabile Capitano Franco Ferfoglia (Sindaco Onorario di Scala Santa)
- Maurizio Lozei, Scala Santa, le 5 fontane del cielo sopra Roiano, Il Piccolo, 2011
- Maurizio Lozei, Scala Santa. Un mondo in salita, Calembour Libri, 2016
- La mia Trieste (sito web)
- Parrocchia Roiano (sito web)
 
 
 

Sostieni SPIZ

SPIZ è una Associazione di Promozione Sociale (A.P.S.) riconosciuta a livello istituzionale (iscrizione n.572 al Registro Regionale del Friuli Venezia Giulia delle Associazioni di Promozione Sociale con Decreto n.8/CULT dell'8 gennaio 2016).

SPIZ A.P.S. è costituita al fine di svolgere attività di utilità sociale a favore di associati o terzi, promuovendo e/o sostenendo progetti e attività qualificate, con finalità formative, educative, culturali e di ricerca.

SPIZ A.P.S. opera su base volontaria e senza finalità di lucro.

Ne consegue che per sviluppare le proprie attività ha bisogno dell'aiuto di tutti. Anche del Vostro.

Chiunque desiderasse sostenerci può farlo in qualsiasi momento scegliendo il metodo di sostegno preferito.

 
 
 
Donazione Libera tramite PayPal
 

Idea Park Hotel Obelisco

 
 

251 CITTADINI

HANNO GIÀ SCRITTO COSA FARE

 

TU COSA FARESTI?

signature white

 

Facebook SPIZ

Facebook Olimpiade dele Clanfe

Facebook Rampigada Santa