OLIMPIADI dele CLANFE

LoginRegister

xe gratis e xe pratico !

 
olimpiade dele clanfe logoL’Olimpiade dele Clanfe nasce nel 2008 per trasformare in specialità olimpica, sempre che sia possibile e comunque per gioco, una modalità esibizionistica che generazioni di «muli triestini» si sono tramandati come una fiaccola virtuale.
Per descrivere il tuffo a «clanfa» prendiamo in prestito lo scrittore triestino Mauro Covacich che nel suo libro «Trieste sottosopra. Quindici passeggiate nella città del vento» [Editore Laterza (collana Contromano) 2006, 192 p.] dedica più di una pagina a questi tuffi: «Quando si parte per la rincorsa è come se si stesse galleggiando nel vuoto, con le mani dietro la nuca, le gambe tirate indietro con le ginocchia piegate e la faccia, be’, la faccia nella classica imitazione di Snoopy in estasi. Agli occhi di un profano, chi si trova in queste condizioni potrebbe far pensare di essere sul punto di prendersi una sonora panciata. Invece, a un centimetro dall'acqua il tuffatore si chiude nella forma di un ferro di cavallo, cioè appunto di una clanfa, provocando il canonico tonfo, tipo bomba di profondità, e un geiger alto nel cielo. Gli altri aspettano che risalga in superficie, per dirgli quanto ha schizzato, poi tocca a uno se possibile ancora più smilzo, che si cimenta in una “bomba americana”».
Clanfe, bombe americane e testabalòn (kamikaze), nate per inondare di schizzi signore e signorine che solitamente stazionano vicino ai trampolini o alle piattaforme per i tuffi, per attirare l’attenzione delle «mule», e per stabilire gerarchie “maschie” all'interno delle comitive di amici, hanno rallegrato e continuano a caratterizzare le estati triestine: un fenomeno che si ricorda sicuramente già dall'immediato secondo dopoguerra, ma la loro origine si perde nel tempo. Tutto il lungomare triestino, dai Topolini all'Excelsior di Barcola, dal Ferroviario al C.R.D.A. di Muggia, dallo stabilimento Ausonia alla baia di Sistiana, ha assistito a queste singolari esibizioni di tuffi che col tempo hanno visto moltiplicarsi scuole di pensiero, varianti ed evoluzioni di ogni genere.
L'Olimpiade dele Clanfe, per la prima volta, fa diventare tutto questo folklore una gara sportiva ufficiale, con tanto di giuria, coefficienti di difficoltà, votazioni e medagliere olimpico. Il tutto però vissuto nel classico spirito goliardico del «morbìn triestìn».
In sintesi, l’Olimpiade dele Clanfe, è un divertentissimo evento sportivo che in nome di questa unicità triestina unisce tutte e tutti in una festa di tuffi strambi, tonfi e schizzi in mare.
2017 olimpiade clanfe 10 locandina orizzontale WEB
 
La 10ª edizione dell'Olimpiade dele Clanfe si è svolta sabato 29 luglio 2017 presso lo stabilimento balneare "Ausonia" di riva Traiana 1 a Trieste.
Il decimo anniversario è stato ancor più del solito un'occasione per una grande e divertente festa all'insegna dell'esaltazione della triestinità e del più puro morbin triestin ricca di personaggi stravaganti, tuffi strambi, ma anche spettacolari, e soprattutto di grandi tonfi in mare con l'obiettivo primario di alzare più acqua possibile.
Abbiamo consegnato ai medagliati un gioiello esclusivo creato appositamente per i medagliati della 10ª Olimpiade dele Clanfe dal Laboratorio Orafo GhirgOro Creazioni. Abbiamo avuto 4 generazioni della stessa famiglia in gara. Avremo Mega Fanta V.I.P. in Giuria. Abbiamo avuto una troupe televisiva internazionale che ha immortalato i momenti salienti della manifestazione che poi verranno inseriti nella seconda puntata di una serie tv che andrà in onda a fine 2018. Insomma un evento in piena regola.
Come consuetudine, la gara vera e propria è stata preceduta da un programma di un'ora di spettacoli ed esibizioni incentrate sul tema del mare e degli sport acquatici.
 
 
2016 olimpiade clanfe 09 locandina orizzontale A3 RGB WEB
 
La 9ª edizione dell'Olimpiade dele Clanfe si è svolta sabato 30 luglio 2016 presso lo stabilimento balneare "Ausonia" di riva Traiana 1 a Trieste.
È stata una grande e divertente festa all'insegna dell'esaltazione della triestinità e del più puro morbin triestin ricca di personaggi stravaganti, tuffi strambi, ma anche spettacolari, e soprattutto di grandi tonfi in mare con l'obiettivo primario di alzare più acqua possibile.
Come consuetudine, la gara vera e propria è stata preceduta da un programma di un'ora di spettacoli ed esibizioni incentrate sul tema del mare e degli sport acquatici.
Si sono esibite la squadra femminile dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Pallanuoto Trieste, la squadra di Nuoto Sincronizzato e quella di Tuffi dell'Associazione Dilettantistica Unione Sportiva Triestina Nuoto, seguite dallo scodinzolante e professionale team di U.Ci.O. Unità Cinofile Operative Onlus - FVG - Soccorso Nautico.
Come tradizione vuole, SPIZ associazione di Promozione Sociale non dimentica la solidarietà. Ospite della manifestazione è stata l'Associazione di Volontariato Trieste Solidale ONLUS che ha organizzato un indovinello a scopo benefico per raccogliere fondi destinati all'acquisto di audio libri per i degenti ospedalieri.
Tutti gli spettacoli e tutta la competizione sono stati trasmessi in diretta streaming grazie al team composto da Fluido TV, C.I.S.A.R. e Synapse.
La 9ª Olimpiade dele Clanfe era valida per l'assegnazione della 4ª Combinata SPIZ 2016.
Per quanto riguaeda i risultati, si sono iscritti 240 concorrenti (record!) e al termine si sono tuffati in 201 (altro record!). La concorrente più picia de tute è risultata Sveva PIATTELLI di 5 anni 7 mesi e 7 giorni, mentre el più picio de tuti è stato Riccardo BUSAN di 5 anni e 9 mesi tondi tondi. La meno picia de tute è risultata essere la britannica Anne KAYE (tuffatasi solo per far contenti i nipotini n.d.r.) mentre el meno picio de tuti è stato ancora una volta l'inossidabile Claudio STERPIN. Il Premio Speciale MORBIN 2016 è andato al gruppo PADOVA KISS, mentre il Premio Speciale SPIZ 2016 è stato assegnato a MArisa MARCHESI. La CLANFA de LEGNO 2016 è stata "vinta" da Pietro SESSOLO con soli 4,10 punti (anche questo un record!). Nella categoria PICI & PICE la clanfa de oro è andata a Alessandro LABINAZ con 53,10 punti, 2ª classificata Giulia CANDELA con 53,10 punti, clanfa de bronzo Zeno PREENNUSHI Zeno con 49,30 punti. Per la categoria MULETI & MULETE il 1° classificato è stato Nicolas DEL RIO con 54,60 punti, 2° classificato Federico SAKSIDA con 54,20 punti, mentre il bronzo è andato a Massimiliano DI DONATO con 53,10 punti. Nella categoria MULI & MULE la clanfa de oro è stata vinta da Alessio BENCI con 56,30, 2° classificato Francesco NATALI con 56,30, 3° Alessio VISINTINI con 55,25 punti. Per la categoria MULONI & MULONE il 1° classificato è stato Mario TUTONE con 56,30 punti, l'argento è andato al suo compagno di clapa Daniel ZOTTI Daniel con 56,30 punti, 3° ancora un componente della clapa WLF, Daniele BUCCI con 56,30 punti. Tra i MATI & BABE l'oro è andato a Maurizio VACCA Maurizio con 56,15 punti, l'argento ad Andrea STOLFA con 55,50 punti, mentre il 3° classificato è stato Tommaso PITACCO con 52,60 punti. Nella categoria VECE BOBE & VECE MARANTIGHE il 1° classificato è stato Enrico POGORELZ con 52,10 punti, il 2° Paolo STIGLIANI con 48,10 punti, mentre 3° si è classificato il suo compagno di clapa Silvio REBULA con 48,10 punti. Tra i concorrenti della categoria U.F.O. si è imposto Lorenzo ZADEU con 54,20 punti, 2° classificato ancora l'inossidabile Claudio STERPIN con 54,10 punti, 3° classificato Diego FRANZOT con 53,30 punti. Infine spazio ai due VINCITORI ASSOLUTI: la REGINA dele CLANFE 2016 è stata per la quarta volta nella storia della manifestazione Virginia DEL SANTO con 54,50 punti, mentre il titolo di RE dele CLANFE 2016 è andato all'esordiente Giovanni BEMBI con 56,35 punti.
SPIZ A.P.S. ringrazia tutti i partecipanti e da appuntamento a sabato 29 luglio 2017 per la 10ª edizione dell'Olimpiade dele Clanfe.
 
 
2015 olimpiade clanfe 08 locandina orizzontale A3 WEB
 
L'8ª edizione dell'Olimpiade dele Clanfe si è svolta sabato 25 luglio 2015 dalle ore 13 in poi presso lo stabilimento balneare "Ausonia" di riva Traiana 1 a Trieste.
La principale novità dell'edizione 2015 ha riguardato le categorie di suddivisione dei concorrenti in gara. È stata aggiunta una settima categoria e sono state modificate le fasce d'età di suddivisione dei partecipanti. Questa revisione delle categorie è stata motivata dalla necessità di omogeneizzare il numero di partecipanti per singola categoria e far in modo di poter utilizzare le medesime categorie anche durante la Quarta edizione della Rampigada Santa in programma sabato 19 e domenica 20 settembre 2015.
Le nuove categorie sono diventate pertanto: PICI e PICE per i minori di 12 anni, MULETI e MULETE dai 12 ai 15 anni, MULI e MULE dai 16 ai 25 anni, MULONI e MULONE dai 26 ai 39 anni, MATI e BABE dai 40 ai 49 anni e VECE BOBE e VECE MARÀNTIGHE per i maggiori di 50 anni. Rimane invariata la categoria U.F.O. per tutti i concorrenti che presentano un tuffo con coefficiente di difficoltà ≥ 2.
Consolidata la formula vincente della manifestazione, con 3 fantastiche esibizioni (pallanuoto, nuoto sincronizzato e cani salvataggio) prima della gara vera e propria, tanto, anzi tantissimo, esilarante morbin fino all'ultimo tuffo, e una valanga di premi per tutti partecipanti che diventano addirittura preziosi per i 30 vincitori premiati.
L'Olimpiade dele Clanfe si è sempre distinta anche per l'aspetto solidale. Ospiti della manifestazione sono stati i volontari dell'Associazione CDKL5 Insieme verso la cura e quelli dell'Associazione Trieste Solidale ONLUS che hanno colto l'opportunità offerta dal grande seguito di partecipanti e pubblico dell'evento per allestire due banchetti di diffusione delle loro attività e di raccolta fondi a sostegno dei loro progetti.
Lo spettacolo è stato assicurato non solo per i presenti all'Ausonia ma anche al resto dell'universo grazie alla diretta streaming curata dal team di Fluido.TV, C.I.S.A.R e Synapse.
L'8ª edizione dell'Olimpiade dele Clanfe era valida per la 3ª Combinata SPIZ.
Per quanto riguarda i numeri, si sono iscritti in 215 e si sono tuffati 174 concorrenti; record! Questi i risultati. La più PICIA de tute è risultata Anna ZOCH di soli 8 anni, mentre el più PICIO de tuti è stato Matteo VEDOATO di soli 5 anni. La MENO PICIA de tute Marisa MARCHESI e el MENO PICIO de tuti Claudio STERPIN. Il Premio Speciale "Morbin" è andato alla Clapa dei "CINGHIALOTTI" per la gag "Topolini Imbratai", mentre il Premio Speciale SPIZ al Gruppo RICREATORI TRIESTE per la performance "ClanFavola". La CLANFA de LEGNO 2015 è risultata Sara TREVISINI con "ben" 4,30 punti. Nella categoria PICI & PICE il 1° classificato è stata Giulia VACCA con 54,10 punti, 2° classificato Federico LUCE con 53,15 punti, 3° classificato Alessandro LABINAZ con 53,10 punti. Nella categoria MULETI & MULETE 1° classificato Nicolas DELRIO con 54,25 punti, 2° Manuel ZERIAL con 53,15 punti e 3° Fabrizia SCHILLANI con 53,10 punti. Nella categoria MULI & MULE l'oro è andato a Elias VATTOVAZ con 53,20 punti, 2° posto per Mario GLIBO con 53,10 punti e 3° posto per Andrea MILOS con 52,45 punti. Nella categoria MULONI & MULONE oro per Mario TUTONE con 54,25 punti, argento per Stefano DI LUCIANO con 54,20 punti e bronzo per Daniel ZOTTI con 54,20 punti. Nella categoria MATI & BABE 1° classificato Andrea SAKSIDA con 54,25 punti, argento per Marco ZORZI con 54,20 punti e 3° classificato Elena TRANQUILLINI con 54,10 punti. Nella categoria VECE BOBE & VECE MARANTIGHE l'oro è andato a Riccardo LEPORE con 51,25 punti, 2° classificato per Ivo BARONCINI con 51,20 punti e bronzo per Pietro BRIEDA con 48,10 punti. Tra gli U.F.O., oro per Claudio STERPIN con 57,15 punti, argento per Alessio DE LUCA con 48,10 punti e bronzo per Tiziano MONTENESI con 40,15 punti. La REGINA dele CLANFE 2015 è la senegalese Ndeye TALL di soli 11 anni con 54,15 punti (record!), mentre il RE dele CLANFE 2015 è risultato Luca BENES con 57,20 punti (record!).
A riprova del livello extra cittadino della manifestazione va detto che per la prima volta una Regina dele Clanfe arriva dal Senegal, e ben tre medaglie sono uscite da Trieste, con Mario GLIBO che l'ha portata a Rovigno, Marco ZORZI che l'ha portata a Padova e Pietro BRIEDA a Pordenone.
Infine SPIZ A.P.S. vuole ringraziare e fare i propri complimenti a tutti per la partecipazione, il morbin e il divertimento che hanno portato.
2014 olimpiade clanfe 07 locandina orizzontale RGB WEB
La 7ª Olimpiade dele Clanfe si doveva svolgere sabato 26 luglio 2014, ma a causa di condizioni meteo davvero proibitive è stata rinviata a sabato 2 agosto 2014 dalle ore 13 in poi presso lo stabilimento balneare "Ausonia" di riva Traiana 1 a Trieste.
La principale aspettativa di questa edizione riguardava una sfida nella sfida infatti alcune indiscrezioni della vigilia preannunciavano la partecipazione in gara del Sindaco di Trieste, Roberto Cosolini, e del suo omologo di Rovigno, Giovanni Sponza. E visti i trascorsi da sportivo attivo, il primo cittadino della splendida cittadina costiera istriana si presentava come un "avversario" davvero ostico per il collega triestino. Putroppo le promesse non sono state mantenute e l'Olimpiade dele Clanfe non è diventata la prima gara di tuffi al mondo alla quale hanno partecipato due primi cittadini.
Si è rinnovata la sfida tra le zone di provenienza per capire quale sia la più clanfadora che ha visto trionfare il Centro Storico di Trieste con 16 clanfadori, seguito dai rioni di Barriera e Roiano entrambi con 15. Parecchi nomi nuovi per l'Olimpiade dele Clanfe ma conosciuti per la Rampigada Santa, e ciò per l'ambito concorso della Combinata SPIZ una sorta di IronMan in salsa triestina che premierà la miglior atleta donna e il miglior atleta uomo che avranno partecipato a entrambe le manifestazioni organizzate dalla nostra Associazione con un prezioso voucher valido due notti per due persone presso le strutture Sava Hotels & Resortsdi Bled in Slovenija.
Molto successo ha riscosso un'altra novità dell'edizione 2014 che ha visto i concorrenti al termine della propria prova individuale venir accolti da due ragazze che li hanno avvolti nei teli mare offerti da Autostar, partner della manifestazione.
E grande consenso ha ricevuto l'ulteriore novità dell'edizione 2014 che è stata la collaborazione con il neonato SCIFABLAB Scientific Fabrication Laboratory del ICTP (International Centre for Theoretical Physics Abdus Salam) di Trieste che con le sue stampanti 3D ha realizzato per l'Olimpiade dele Clanfe 2014 il gadget ufficiale della manifestazione in PLA (PolyLactic Acid o Acido Polilattico) 100% BioDegradabile.
Ma i premi erano tanti e per tutti o quasi tutti... è pur sempre una competizione sportiva. Grazie al al contributo dei Partners della 7ª Olimpiade dele Clanfe è stato allestito un Montepremi degno di una vera e propria Olimpiade.
La competizione vera e propria è iniziata alle ore 14, ma già dalle ore 13 lo spettacolo è stato assicurato dalle tre magnifiche esibizioni che hanno visto come protagonisti l'eleganza e la forza della squadra di nuoto sincronizzato dell'Associazione Dilettantistica Unione Sportiva Triestina Nuoto, la classe della sezione Tuffi sempre dell'Associazione Dilettantistica Unione Sportiva Triestina Nuoto e lo scodinzolante ma ultra professionale team U.CI.O. (Unità Cinofile Operative Onlus - FVG - Soccorso Nautico). Insomma una cerimonia d'apertura da Olimpiade vera.
Si è cercato di replicare il successo di ascolti dell'edizione 2013 con la trasmissione della diretta streaming di tutto l'evento grazie alla tecnologia e alla professionalità di Fluido TV ma alcune imponderabili difficoltà tecniche dell'ultima ora hanno fatto si che il risultato finale, pur sempre apprezzabile, non fosse all'altezza delle aspettative.
Mentre per quanto riguarda la competizione sportiva, tutti i risultati sono visualizzabile nelle pagine delle Classifiche.

twitter logo#olimpiadedeleclanfe #combinataspiz

Segui l'evento su facebook logo

2013 olimpiade clanfe 06 locandina verticale A3 WEBLa 6ª Olimpiade dele Clanfe si è svolta sabato 27 luglio 2013 dalle ore 14 in poi presso lo stabilimento balneare "Ausonia" di riva Traiana 1 a Trieste.
Come ogni anno l'organizzazione ha cercato di perfezionare l'evento introducendo novità e miglioramenti.
Continua la sfida campanilistica tra il Comune di Trieste e i suoi tanti rioni, la Provincia di Trieste con i suoi Comuni e il Resto del Mondo, che nel 2012 ha visto in vetta alla classifica l'ex-aequo tra San Luigi e San Vito con 15 clanfadori a testa, e che porterà altri importanti dati allo studio della Rivista sciementifica Monon Behavior.
Ma la novità 2013 è l'istituzione della Combinata SPIZ una sorta di IronMan in salsa triestina che premierà la miglior atleta donna e il miglior atleta uomo che parteciperanno a entrambe le manifestazioni organizzate dalla nostra Associazione. Il punteggio ottenuto alla 6ª Olimpiade dele Clanfe verrà moltiplicato per 10 (dieci) e considerato una sorta di abbuono in secondi da sottrarre al tempo in secondi impiegato nella 2ª Rampigada Santa in programma sabato 21 e domenica 22 settembre 2013. In continuità con la tradizione triestina, un po' come accade nel cotecio triestin, vince chi ottiene il punteggio più basso. Così, per fare un esempio, ipotizzando che il Re delle Clanfe 2012 (56,10 punti) fosse stato anche il vincitore della 1ª Rampigada Santa 2012 (tempo 10'18"01 corrispondente a 618,01 secondi) il suo punteggio nella Combinata SPIZ sarebbe stato pari a 618,01 - 561,0 = 57,01 punti. Un vero IronMan Triestin!!! L'IronMan Triestin e la IronWoman Triestina con la vittoria della Combinata SPIZ si porteranno a casa un prezioso voucher valido due notti per due persone presso le strutture delle Terme di Laško (www.thermana.si) in Slovenia partner della manifestazione.
L'altra grande novità dell'edizione 2013 è la diretta streaming di tutto l'evento (visibile a questo link), grazie alla tecnologia e alla professionalità degli amici di LivEye.
Si sono iscritti 194 concorrenti la maggior parte proveniente da Trieste e provincia, ma hanno voluto cimentarsi nei tradizionali tuffi triestini anche istriani, padovani, romani e milanesi. La dimostrazione dell'attaccamento della popolazione a questa manifestazione e il suo appeal trans-generazionale lo dimostrano alcuni dati. I più "pici" in gara erano Alice Fonda e Francesco Modugno entrambi di soli 7 anni, mentre la "Nona" e il "Nono" delle Clanfe sono stati Marisa Marchesi e il leggendario fondista triestino Claudio Sterpin, che alla tenera età di 74 anni e in onore del suo essere "triestin patoco", ha voluto unirsi alla festa. Perché in effetti l'Olimpiade dele Clanfe è principalmente una festa al cui interno c'è un divertentissimo evento sportivo che in nome di questa unicità triestina unisce tutte e tutti in una festa di tuffi strambi, tonfi e schizzi in mare. Lo staff di SPIZ al completo fa i suoi complimenti a tutti i concorrenti, e si congratula con i vincitori delle varie categorie. Per la categoria Fioi & Pice il 1° classificato è stato Filippo Del Rosso, 2° classificato Francesco Pasinati e 3ª classificata Roberta Basilisco. Per la categoria Muleti & Mulete 1° classificato Nicolas Delrio, seguito da Piero Carini e 3° Zeno Gabadi. Per la categoria Muli & Mule 1° classificato Federico Mauri, 2° Thomas Puzzer, e 3° Paolo De Petris. Per la categoria Muloni & Babe, il 1° classificato è stato Luca Cigui, 2° Pietro Poropat, già Re dele Clanfe 2012, e 3° Andrea Benich. Per la categoria Vece Bobe & Vece Marantighe, il vincitore è stato Andrea Saksida, seguito da Tommaso Pitacco e Maurizio Vacca. Per la categoria U.F.O., composta dai concorrenti che presentavano un tuffo dal coefficiente di difficoltà superiore al 2, il vincitore è stato Samuele Fragiacomo, seguito da Giacomo Rismondo e Virginia Esposito, già Regina dele Clanfe 2011. I complimenti vanno anche con Lucio Cok, ultimo in classifica, che si è portato a casa la famigerata Clanfa de Legno e con Jessica Storchi, vincitrice del Premio Speciale SPIZ. Ovviamente le più vivide congratulazioni vanno ai due vincitori assoluti: Virginia Del Santo, Regina dele Clanfe 2013, e al tredicenne Alessio Benci che è stato incoronato Re dele Clanfe 2013. Entrambi potranno gongolarsi dell'ambito titolo per un anno intero. Una menzione speciale è dovuta al fuori programma offerto dal Sindaco di Trieste roberto Cosolini che a l termine del suo breve discorso d'apertura ha stupito la platea, i medi con un tuffo in piscina completamente vestito. Chiaro che le immagini e la notizia hanno fatto il giro del mondo.

L'evento su facebook logo

2012 olimpiade clanfe 05 locandina verticale WEBLa 5ª Olimpiade dele Clanfe si è svolta sabato 28 luglio 2012 dalle ore 14 in poi presso lo stabilimento balneare "Ausonia" di riva Traiana 1 a Trieste. Come ogni anno l'organizzazione cerca di perfezionare l'evento introducendo migliorie e novità. La prima novità introdotta è stata che il coefficiente di difficoltà del tuffo non serve da moltiplicatore ma bensì da bonus da sommare ai punti già ottenuti con tuffo, schizzo e performance artistica. Questa scelta è stata fatta per evidenziare il fine ultimo dei tuffi triestini che è lo schizzo, senza però dimenticare di premiare l'eventuale difficoltà tecnica del gesto tecnico del tuffo. Starà al concorrente scegliere se puntare su un tuffo elaborato che però rischia di penalizzare lo schizzo, oppure optare per un tuffo semplice, o comunque meno "caprioloso", e concentrarsi maggiormente sullo schizzo prodotto. Resta ben inteso che un tuffo elaborato, che produrrà un gran bel schizzo e magari il tutto eseguito da "uomo mascherato" ha ottime probabilità di conquistare la vittoria finale. La seconda novità era che in fase d'iscrizione il concorrente doveva dichiarare obbligatoriamente la sua zona di provenienza, o a scelta, quella cui sente di appartenere. I dati raccolti con questa dichiarazione serviranno, prima che per la naturale conseguente sfida campanilistica tra il Comune di Trieste e i suoi tanti rioni, la Provincia di Trieste con i suoi Comuni e il Resto del Mondo, per uno studio della Rivista sciementifica Monon Behavior. Stracciato ogni record della manifestazione. 194 iscritti (con i ritardatari fuori classifica 211). 130 tuffatori (con i ritardatari fuori classifica 147). Particolarmente ispirati i concorrenti. Sandro Capilla si è tuffato completamente cosparso di farina per simulare un sardòn pronto per essere fritto. Armando Otti e sua figlia Alexia hanno inscenato la coppia del momento Balotelli-Fico. Gianpaolo Carini si è esibito ancora una volta con un super travestimento. Così come Tiziano Stocca nei panni super mascherati di Fottiman. La mitica e inossidabile Marisa Marchesi è volata in acqua travestita da Minnie. La banda "Muiesan", grazie alla consueta creatività di Tiziana Marocchi, si è tuffata con divise che omaggiavano le grandi dive del cinema americano. Pietro Poropat, colui che alla fine si è laureato Re dele Clanfe 2012, si è presentato vestito da tedoforo con tanto di torcia olimpica accesa e l'ormai arcinoto pezzo "Chariots of Fire" di Vangelis in sottofondo. Sugli spalti centinaia e centinaia di spettatori hanno ammirato e applaudito tutti i concorrenti, da Gabriel Muiesan il più piccolo in gara con i suoi 6 anni a Renata Zecchin con le sue 65 primavere. È stata un'edizione bellissima, serena, divertente e di grande grande successo.

L'evento su facebook logo

2011 olimpiade clanfe 04 locandina WEBLa 4ª Olimpiade dele Clanfe si è svolta sabato 30 luglio 2011. Dalle ore 15 in poi, presso lo stabilimento balneare "Ausonia" di riva Traiana 1 a Trieste, ha visto eseguire un tuffo a 126 concorrenti. E pensare che fino all'ultimo pareva d'obbligo rimandare alla domenica successiva. Infatti il tempo era "ballerino" e fino a poche ore prima della gara gli organizzatori erano indecisi se farla o posticipare. Le telefonate di richiesta informazioni ricevute erano state moltissime. Poi c'è stata una riunione di organizzazione e audacemente si è deciso di partire. E si sa che la fortuna aiuta gli audaci. Un po' dappertutto attorno a Trieste aveva piovuto. In certi posti addirittura diluviato. Ma all'Olimpiade dele Clanfe no, anzi, durante tutta la manifestazione c'era persino il sole. Quasi un miracolo. Un po' come accade per i carri di carevale le coreografie si sono ispirate ai fatti della cronaca mondana e non. I Papi & Ruby erano molti, ma senza dubbio il momento artistico più emozionante è stato quando l'undicenne Fiamma Cecovini Amigoni si è presentata sul trampolino con decine e decine di palloncini colorati in perfetta citazione del successo cinematografico della Pixar "Up". Fiamma non è rimasta sospesa in volo come la casa del film, ma il momento poetico ha coinvolto così tanto il pubblico che subito dopo il suo tuffo il campo di gara è stato invaso dai ragazzini che erano sugli spalti e che si sono lanciati in mare per recuperare i palloncini rimasti a pelo d'acqua. Fosse solo per aspirare l'elio all'interno dei palloncini e poi parlare come Donald Duck. Tempi moderni!

L'evento anche su facebook logo

2010 olimpiade clanfe 03 locandina WEBLa 3ª Olimpiade dele Clanfe si è svolta sabato 31 luglio 2010 sempre presso lo stabilmento balneare "Ausonia" di Trieste e ha visto tuffarsi 106 concorrenti. La giornata era magnifica. Cielo color cobalto, mare cristallino, un leggero borino a tener tutti perfettamente arieggiati per le 4 ore di manifestazione. Il pubblico era foltissimo. La manifestazione ormai aveva avuto un'eco impressionante. Ne avevano parlato giornali, radio, tv e sul web tra i social network, e i siti "clanfofili" ormai si sprecavano gli inviti a partecipare. L'organizzazione aveva ancor di più raffinato metodi di valutazioni e meccanismi per rendere il tutto sempre più divertente e gradevole. Vengono introdotti coefficienti più dettagliati per il calcolo della difficoltà del tuffo. Alla Clanfa viene assegnato un bonus di 0,1, così come alla bomba americana 0,1. Il kamikaze invece viene premiato per la sua difficoltà di base con un coefficiente base di 0,2. Si aggiunge un coefficiente di 0,2 per ogni 1/2 avvitamento (180°) e di 0,4 per ogni mezzo salto mortale.Alle partenze si assegna uno 0,0 per l'avanti, 0,2 per l'"indrio", 0,3 per la ritornada e la rovesciada. Ulteriore 0,05 di coefficiente per agitada, taconeti, bianca balena, caminada, claps, fis'cio. Alla variante jolly 0,1. al mortaio 0,5. In tutto si sono iscritti 143 concorrenti tra cui veri e propri artisti della clanfa, ma soprattutto del morbìn triestino. Un boato di risate e applausi ha accolto Luigi Fiano e il suo futuro suocero Armando Otti quando si sono presentati sul trampolino vestiti il primo da asitce e il secondo da cuoco con tanto di forchettone e pentolone pronto a bollire il futuro genero. Paola Ramella si era iscritta presentando il suo tuffo come "il tuffo della vedova", e infatti sul trampolino è arrivata con tanto di costume a lutto e urna con le ceneri ("di camino friulano autentico" ha poi dichiarato).

L'evento anche su facebook logo

 
2009 olimpiade clanfe 02 locandinaLa 2ª Olimpiade dele Clanfe era attesa con ansia. Settimane anzi mesi prima già se ne parlava molto. Durante l'inverno precedente si erano sprecati elogi e attività collaterali a sostegno dell'iniziativa come, per esempio, il primo Monon Behavior di Diego Manna. L'esperienza della Prima Edizione ha fatto si che l'organizzazione si sia affinata un po'. Cambia il metodo di calcolo del coefficiente di difficoltà del tuffo.
- Clanfa, Bomba o Kamikaze "Clasica (senza fronzoli)" valgono 1x il punteggio della votazione dei giudici.
- Agitada (caminada, taconeti, insomma un minimo mossa) valgono 1,2x.
- Girada (arrivo in acqua capovolti) 1,4x.
- Tresesanta (singolo avvitamento) 1,6x.
- Mortal (singolo salto mortale) 1,8x.
- Dopiomortal (doppio salto mortale) 2,0x.
- Seteventi (doppio avvitamento) 2,2x.
- UFO (con coreografia o mai visto) 2,4x.
Alla fine delle iscrizioni gli iscritti sono 108, alcuni addirittura da Venezia e Milano. Poi si sono tuffati 74 concorrenti davanti a un folto pubblico. La data prevista era sabato 25 luglio 2009 ma a causa di condizioni meteo sfavorevoli la competizione si è svolta domenica 26 luglio 2009, e meno male. Sabato 25 c'era pioggia, vento e freddo mentre la domenica lo stabilimento balneare "Ausonia" di Trieste era baciato da un sole tiepido e da un'aria perfetta.

L'evento anche su facebook logo

2008 olimpiade clanfe 01 locandinaTutto è nato dopo una rimpatriata di vecchi (anche in senso anagrafico) frequentatori del VII Topolino sul lungomare triestino di Barcola. L'afa bestiale ha fatto si che invece di ritrovarsi direttamente a cena ci si sia dati appuntamento al VII per "un per de clanfe prima de zena". Mentre ci stavamo tuffando come ragazzini ho pensato che sarebbe stato bello inventarsi una gara di clanfe. La mattina seguente in ufficio ne ho parlato con Diego Ziodato, amico e collega, con cui ci raccontavamo sempre di clanfe passate e attuali. Lui frequentava assiduamente lo stabilimento Ausonia di Trieste e mi ha messo in contatto con la direttrice Cristina Cecchini. I men che non si dica è nata l'Olimpiade dele Clanfe. Il nome è stata una diretta conseguenza in omaggio alle concomitanti olimpiadi ufficiali cinesi. La 1ª Olimpiade dele Clanfe si è svolta sabato 23 agosto 2008 presso lo stabilimento balneare "Ausonia" di Trieste. È stato un successone. In città per settimane e settimane ragazze ma soprattutto ragazzi ne parlavano. La giornata non era fantastica ma non pioveva e il cielo un po' velato aveva evitato a tutti la scottatura. La voce si è sparsa velocemente e si sono iscritti ben 91 concorrenti anche se alcuni si sono iscritti soltanto per entrare all'Ausonia a prezzo ridotto, mentre altri non si sono tuffati dopo aver visto il pubblico, così che alla fine si sono tuffati in 62. È stato predisposto un sistema di rilevazione del coefficiente di difficoltà del tuffo. Una clanfa, una bomba americana e un kamikaze classici hanno coefficiente 1,00. Una generica variante funny, caminada o taconeti: 1,20. Una girada da leggere come una 180°: 1,4. Una 360°: 1,6. Una 1,5 avanti: 1,8. Una 720°: 2,0. Una variante UFO cioè un tuffo mai visto 2,2. Hanno impressionato la bomba mortaio di Enrico Ciuffi alla fine vincitore assoluto, ma anche i tajaerba e l'atmosfera pazza e scanzonata. Davide "Deivpat" Poropat in ossequio al coefficiente "UFO" coniato per un tuffo mai visto si è travestito proprio da extraterrestre, e non sono mancati i superman e altri travestimenti. Ricordo una telefonata di un tizio che voleva tuffarsi con il vespino, poi coscienziosamente modificato in una superman. Un'altra telefonata simpatica è stata quella di due signore ottantenni che volevano sapere l'ora di inizio per non perdersi nemmeno un tuffo e l'episodio di un signore che dopo che la moglie gli aveva proibito di partecipare le ha mentito su dove andava realmente per venire a tuffarsi lo stesso. La Clanfa de Legno se l'è aggiudicata Piero Degrassi con un "banale piròn" come l'ha definito il giorno dopo il quotidiano Il Piccolo. Insomma davvero un reale successone.
Mauro Vascotto
presidente
SPIZ Associazione di Promozione Sociale

L'evento anche su facebook logo

olimpiade dele clanfe logoL’Olimpiade dele Clanfe nasce nel 2008 per trasformare in specialità olimpica, sempre che sia possibile e comunque per gioco, una modalità esibizionistica che generazioni di «muli triestini» si sono tramandati come una fiaccola virtuale.
Per descrivere il tuffo a «clanfa» prendiamo in prestito lo scrittore triestino Mauro Covacich che nel suo libro «Trieste sottosopra. Quindici passeggiate nella città del vento» [Editore Laterza (collana Contromano) 2006, 192 p.] dedica più di una pagina a questi tuffi: «Quando si parte per la rincorsa è come se si stesse galleggiando nel vuoto, con le mani dietro la nuca, le gambe tirate indietro con le ginocchia piegate e la faccia, be’, la faccia nella classica imitazione di Snoopy in estasi. Agli occhi di un profano, chi si trova in queste condizioni potrebbe far pensare di essere sul punto di prendersi una sonora panciata. Invece, a un centimetro dall'acqua il tuffatore si chiude nella forma di un ferro di cavallo, cioè appunto di una clanfa, provocando il canonico tonfo, tipo bomba di profondità, e un geiger alto nel cielo. Gli altri aspettano che risalga in superficie, per dirgli quanto ha schizzato, poi tocca a uno se possibile ancora più smilzo, che si cimenta in una “bomba americana”».
Clanfe, bombe americane e testabalòn (kamikaze), nate per inondare di schizzi signore e signorine che solitamente stazionano vicino ai trampolini o alle piattaforme per i tuffi, per attirare l’attenzione delle «mule», e per stabilire gerarchie “maschie” all'interno delle comitive di amici, hanno rallegrato e continuano a caratterizzare le estati triestine: un fenomeno che si ricorda sicuramente già dall'immediato secondo dopoguerra, ma la loro origine si perde nel tempo. Tutto il lungomare triestino, dai Topolini all'Excelsior di Barcola, dal Ferroviario al C.R.D.A. di Muggia, dallo stabilimento Ausonia alla baia di Sistiana, ha assistito a queste singolari esibizioni di tuffi che col tempo hanno visto moltiplicarsi scuole di pensiero, varianti ed evoluzioni di ogni genere.
L'Olimpiade dele Clanfe, per la prima volta, fa diventare tutto questo folklore una gara sportiva ufficiale, con tanto di giuria, coefficienti di difficoltà, votazioni e medagliere olimpico. Il tutto però vissuto nel classico spirito goliardico del «morbìn triestìn».
In sintesi, l’Olimpiade dele Clanfe, è un divertentissimo evento sportivo che in nome di questa unicità triestina unisce tutte e tutti in una festa di tuffi strambi, tonfi e schizzi in mare.
Benvenuti nel Museo dele Clanfe
Welcome to the Clanfa's Museum
2008_07_11_Gasparo_USA-08-2168-11lug-Yosemite-Swinging_bridge_Mitja_clanfa.jpg
L’idea che ci ha spinti a creare questa pagina è quella di dare vita a un luogo che ricostruisca il percorso delle clanfe, delle bombe (americane e non) e dei testabalon (kamikaze) nella storia dell’umanità. Un posto che funga da archivio storico per questo particolare modo di tuffarsi. Un punto di riferimento, studio e analisi di questo che potrebbe essere un peculiare endemismo triestino.
 
Perchè questi tuffi hanno questi nomi?
Quando noi triestini abbiamo cominciato a tuffarci in questa maniera?
Sono nati a Trieste o sono stati importati?
 
Ci sono giunte notizie di clanfadori al bagno Savoia di Trieste già agli inizi degli anni ’30 del XX secolo ma non abbiamo prove documentali di questo se non il racconto verbale di testimoni oculari che ormai hanno più di qualche capello bianco in testa.
Nel 2009, un po’ prima della seconda edizione dell’Olimpiade dele Clanfe abbiamo ricevuto le prime foto vintage, 4 scatti in bianco e nero datati 1969.
Il 20 dicembre 2011 altre 22 splendide immagini scattate sicuramente prima del 1953 e che finora sono i più vecchi documenti fotografici che certificano l’esistenza e la pratica di questi tuffi. Ma siamo sicuri che il fenomeno sia iniziato molto prima; però non sappiamo quando.
Certamente interessante e degno di attenzione e studio è un brano tratto da "Il mio Carso" di Scipio Slataper che nel 1912 parlava di tuffi fatti per schizzare i tedeschi al mare. Magari quei tuffi erano proprio clanfe...
SPIZ, oltre che organizzare l’Olimpiade dele Clanfe, la Rampigada Santa, e partecipare ad altre attività riguardanti la collettività, è un’Associazione di Promozione Sociale che ritiene importante che non vada persa la memoria storica, soprattutto della parte ludica di una comunità.
Nel Museo dele Clanfe pubblichiamo foto, video, articoli di giornale e qualsiasi altro materiale utile a questo importante progetto di studio e salvaguardia della “biodiversità umana”.
 
Perciò Vi chiediamo aiuto e sostegno!
 
Inviate le vostre immagini, i vostri video, o semplicemente i vostri links o le vostre curiosità a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sarà nostra cura raccoglierle in ordine cronologico in questo Museo (dele Clanfe) unico al mondo.
Grazie a tutti per l’aiuto e la collaborazione.
PS: Un altro spazio di discussione su questo argomento lo potete trovare sul sito degli amici della comunità di BORA.LA
 
clanfon da 12 metri enrico sospeso nel vuoto in una americana da 12 metri gabriele auber e il suo pisu e il suo kamikaze da 12 metri lo zio clanfa per spiz da 12 metri

Da che memoria umana ricordi, il 15 agosto, ferragosto, è tempo di giochi e divertimento. In pieno rispetto di questa tradizione ferragostana anche lo stabilimento balneare "Ausonia" di riva Traiana 1 a Trieste dà il suo contributo. E, come ormai consuetudine, SPIZ collabora con Ausonia per la riuscita della giornata. Solitamente dalle ore 15 in poi "anguriada" generale, poi caccia al tesoro per i bambini  under 10, mentre per tutti gli altri divertimento puro in piscina in stile "giochi senza frontiere". Infine, per concludere in bellezza, dalle ore 17, SPIZ si traveste da "vigile del traffico" verso un salto nel vuoto, rinnovando l'usanza del tuffo dal tetto della veranda... per provare così un brrrivido lungo 12 metri... tongue

1ª Olimpiade dele Clanfe 2008
2ª Olimpiade dele Clanfe 2009
3ª Olimpiade dele Clanfe 2010
4ª Olimpiade dele Clanfe 2011
 
La Giuria dell'Olimpiade dele Clanfe è una componente fondamentale per la riuscita della manifestazione. È composta da 6 membri. Cinque valutano il concorrente per lo stile del tuffo e per lo schizzo prodotto, ciò che comunemente a Trieste viene definito come "Zata" o "Mànigo". Il sesto giurato, il Giudice Artistico o meglio conosciuto come "Giudice del Morbìn" ne valuta la performance artistica. Per tutti i Giurati e per tutte le votazioni valgono i seguenti criteri di valutazione:
 
ESITO
PUNTI
ORIBILE
(tuffo mancato o non completato o non corrispondente al tipo dichiarato)
0
MALAMENTE
(insoddisfacente)
1
CISTO
(carente)
2
PASABILE
(soddisfacente)
3
BON
(buono)
4
DEKAGARSE
(ottimo)
5
 
 
 

Contatti - Contacts

spiz logo spiz.it trasparente

spiz associazione di promozione sociale

via giacomo matteotti 20/a

34138 – trieste (italia)

codice fiscale 90123670326

iscrizione n.572 al registro regionale del friuli venezia giulia delle associazioni di promozione sociale (decreto n.8/cult dell'8 gennaio 2016)

phone: +39.339.3781703

site: www.spiz.it

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

social facebook logotwitter logogoogle+ logo

app livetriesteitrieste

Sostieni SPIZ

SPIZ è una Associazione di Promozione Sociale (A.P.S.) riconosciuta a livello istituzionale (iscrizione n.572 al Registro Regionale del Friuli Venezia Giulia delle Associazioni di Promozione Sociale con Decreto n.8/CULT dell'8 gennaio 2016).

SPIZ A.P.S. è costituita al fine di svolgere attività di utilità sociale a favore di associati o terzi, promuovendo e/o sostenendo progetti e attività qualificate, con finalità formative, educative, culturali e di ricerca.

SPIZ A.P.S. opera su base volontaria e senza finalità di lucro.

Ne consegue che per sviluppare le proprie attività ha bisogno dell'aiuto di tutti. Anche del Vostro.

Chiunque desiderasse sostenerci può farlo in qualsiasi momento scegliendo il metodo di sostegno preferito.

 
 
 
Donazione Libera tramite PayPal
 

Petizione Park Hotel Obelisco

 
 

249 CITTADINI

HANNO GIÀ ADERITO

 

SE ANCHE TU SEI D'ACCORDO

SOTTOSCRIVI LA PETIZIONE

signature white

Facebook SPIZ

Facebook Olimpiade dele Clanfe

Facebook Rampigada Santa