3ª Rampigada Santa 2014 - Rassegna Stampa - STAMPA

LoginRegister

xe gratis e xe pratico !

 

La 3ª Rampigada Santa 2014 sulla STAMPA...

...buona lettura...

 

Non fatevi ingannare dal titolo si parla anche della 3ª Rampigada Santa 2014.

Da il piccolo di Trieste di venerdì 6 giugno 2014

2014 06 06 olimpiade clanfe 07 il piccolo WEB

AUSONIA

Clanfe, aperte le iscrizioni
alle Olimpiadi del 26 luglio

Sarà ancora una volta un'estate di clanfe e rampigade, le due specialità tipicamente locali che da anni oramai suscitano l'entusiasmo dei triestini di ogni eta'. Sono già aperte le iscrizioni per la settima Olimpiade delle Clanfe, che si svolgerà sabato 26 luglio nella consueta cornice dello stabilimento balneare Ausonia e per la terza corsa in salita lungo scala Santa, in programma domenica 21 settembre. Entrambe le competizioni sono organizzate dall'associazione di promozione sociale "Spiz", presieduta da Mauro Vascotto. (informazioni sul sito www.spiz.it). L'Olimpiade delle clanfe e' nata nel 2008, per trasformare in specialità olimpica, nel senso giocoso del termine, una modalità esibizionistica che generazioni di muli triestini si sono tramandati.
Dimostrare, in riva al mare, le proprie capacita' acrobatiche, ha sempre costituito un momento di conquista per i giovani maschietti di ieri e di oggi. L'abilità sta nel sapersi chiudere a forma di ferro di cavallo, a pochi centimetri dall'acqua, per evitare di prendere una clamorosa panciata. Fondamentale alzare un gran volume d'acqua e schizzare il più lontano possibile. Gli altri aspettano che il tuffatore risalga in superficie, per dirgli se sia riuscito o meno a inondare signore e signorine che solitamente stazionano vicino ai trampolini o alle piattaforme per i tuffi e ad attirare l’attenzione delle «mule», oltre che per stabilire gerarchie all'interno delle comitive di amici. L'intero lungomare triestino, dai Topolini all'Excelsior di Barcola, dal Ferroviario al Crda di Muggia, dallo stabilimento Ausonia alla baia di Sistiana, ha assistito a queste singolari esibizioni di tuffi che, col tempo, hanno visto moltiplicarsi scuole di pensiero, varianti ed evoluzioni di ogni genere. L’Olimpiade dele Clanfe, per la prima volta, fa diventare tutto questo folklore una gara sportiva ufficiale, con tanto di giuria, coefficienti di difficoltà, votazioni e medagliere olimpico.
Il tutto però vissuto nel classico spirito goliardico del «morbìn triestìn». E lo scorso anno, ad aumentare la popolarità della manifestazione, tutti ricorderanno il tuffo fatto dal sindaco, Roberto Cosolini, con tanto di vestito grigio addosso. Molto più impegnativa, sotto il profilo agonistico, la Rampigada: correre in salita per raggiungere l'Obelisco partendo da Roiano implica una buona preparazione fisica, muscoli d'acciaio e polmoni da atleta. Ovviamente ci riferiamo a coloro che puntano alla vittoria: per chi vuole semplicemente partecipare, si tratta di una passeggiata un po' fuori al comune. Quest'anno si rinnoverà anche il concorso della Combinata, che premierà la miglior atleta donna e il miglior atleta uomo che avranno partecipato a entrambe le manifestazioni. Il meccanismo di calcolo prevede che il punteggio ottenuto alla 7ª Olimpiade dele Clanfe venga moltiplicato per 10 e sottratto al tempo in secondi impiegato nella 3ª Rampigada. In continuità con la tradizione triestina, un po' come accade nel cotecio triestin, il vincitore sarà chi ottiene il punteggio più basso. I vincitori della Combinata 2014 saranno premiati con un voucher valido due notti per due persone presso le strutture Sava Hotels & Resortssava hotels resorts di Bled in Slovenia. Visto il successo di ascolti dell'edizione 2013, sarà trasmessa la diretta streaming di tutto l'evento.
Ugo Salvini

copyright © 2014 il piccolo tutti i diritti riservati

 

Da il piccolo di Trieste di martedì 9 settembre 2014

2014 09 09 rampigada santa 03 il piccolo WEB

ISCRIZIONI » DOMENICA 21 SETTEMBRE

Rampigada Santa
da Roiano all’Obelisco

Un’erta che sale dal popoloso rione fino ai 343 metri

di Luca Saviano
 
«Trieste ha una scontrosa grazia», scriveva Umberto Saba. Il poeta triestino raccontava la sua città vista da «un’erta, popolosa in principio, in là deserta». La Rampigada Santa, per il terzo anno consecutivo, prova a restituire a suo modo un’immagine di Trieste e, soprattutto, dei suoi abitanti, scanzonati e visceralmente attaccati alla propria città.
La manifestazione, organizzata dall'Associazione di promozione sociale Spiz insieme al Comune di Trieste e con la collaborazione dell’Associazione sportiva Mappets, propone per domenica 21 settembre la conquista di una delle salite più impegnative della città: Scala Santa. Un’erta che si arrampica dal popoloso rione di Roiano fino ai 343 metri dell’Obelisco. Una salita “scontrosa”, considerata la pendenza media del 16% che in alcuni punti supera il 21% e che, comunque, non scende mai sotto l’11%. Una ascesa che, però, regala la “grazia” di un panorama mozzafiato, consentendo di allontanarsi gradualmente dalla città e di raggiungere in poco più di 2000 metri lastricati di sampietrini il Carso.
Il via della competizione, anche quest’anno aperta sia ai ciclisti che ai podisti, verrà dato alle 10 dal tratto iniziale di Scala Santa, nel cuore di Roiano, dove confluiscono via Villan de Bachino, via Montorsino e via Giusti. Le partenze si susseguiranno ogni 30 secondi in base all'ordine di iscrizione, la quale dovrà essere effettuata attraverso il sito www.spiz.it entro giovedì 18 settembre. Il percorso, per tutta la durata della manifestazione, verrà interdetto al traffico veicolare.
Oltre alle migliori prestazioni cronometriche, verranno premiati i vincitori della Combinata Spiz, che terrà conto anche della classifica della recente Olimpiade delle clanfe. L’antipasto della competizione sarà servito a partire dalle 12 di sabato 20, quando verrà inaugurato il Rampigada Santa Village, uno spazio dedicato alla promozione ed educazione alla mobilità e agli stili di vita sostenibili, che resterà aperto fino alle 23 di sabato e per l’intera durata della kermesse sportiva del giorno successivo, ospitando incontri, dialoghi, consulenze, mercatini, prove di abilità, gare sui rulli e momenti dedicati all'enogastronomia. Sempre sabato, dalle 17, i Sardoni Barcolani Vivi proporranno una riunione musicale estemporanea «con il solo scopo di stare sereni», durante la quale proporranno, con la consueta verve che li contraddistingue, il loro repertorio di canzoni che raccontano la storia, la tradizione, le abitudini e la cultura triestina.
Fra le varie iniziative, spicca quella curata dall'Immaginario Scientifico che, nel corso della due giorni, metterà in piedi un’attività didattica per bambini e ragazzi dal titolo “Costruisci il tuo ciclista e fallo pedalare”. L’intera manifestazione si inserisce all'interno della Settimana europea per la mobilità sostenibile (European mobility week), con l’obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza e di promuovere l’utilizzo della “propulsione umana” per gli spostamenti urbani.
Luca Saviano
 

copyright © 2014 il piccolo tutti i diritti riservati

 

Da il piccolo di Trieste di sabato 20 settembre 2014

2014 09 20 rampigada santa 03 il piccolo WEB

PERCORSO INTERDETTO AL TRAFFICO

Rampigada Santa, le partenze domani dalle 10

Oggi l’inaugurazione del Village e il concerto del gruppo “Sardoni Barcolani Vivi”

di Luca Saviano
 
La Rampigada Santa, per il terzo anno consecutivo, prova a restituire a suo modo un'immagine di Trieste e, soprattutto dei suoi abitanti, scanzonati e visceralmente attaccati alla propria città.
La manifestazione, organizzata dall'Associazione di promozione sociale Spiz insieme al Comune di Trieste e con la collaborazione dell'Associazione sportiva Mappets, propone domani la conquista di una delle salite più impegnative della città: Scala Santa.
Un'erta che si arrampica dal popoloso rione di Roiano fino ai 343 metri dell'Obelisco.
Il via della competizione, anche quest'anno aperta sia ai ciclisti che ai podisti, verrà dato alle 10 dal tratto iniziale di Scala Santa, nel cuore di Roiano, dove confluiscono via Villan de Bachino, via Montorsino e via Giusti. Le partenze si susseguiranno ogni 30 secondi in base all'ordine di iscrizione. E gli iscritti sono 278.
Il percorso, per tutta la durata della manifestazione, verrà interdetto al traffico veicolare. L'antipasto della competizione sarà servito a partire dalle 12 di oggi quando verrà inaugurato il Rampigada Santa Village, uno spazio dedicato alla promozione ed educazione alla mobilità e agli stili di vita sostenibili, che resterà aperto fino alle 23 e per l'intera durata della kermesse sportiva di domani, ospitando incontri, dialoghi, consulenze, mercatini, prove di abilità, gare sui rulli e momenti dedicati all'enogastronomia.
Sempre oggi, dalle 17, i Sardoni Barcolani Vivi proporranno una riunione musicale estemporanea «con il solo scopo di stare sereni», durante la quale proporranno, con la consueta verve che li contraddistingue, il loro repertorio di canzoni che raccontano la storia, la tradizione, le abitudini e la cultura triestina.
L'Associazione di promozione sociale Spiz, che organizza la manifestazione, informa che oggi dalle 12 alle 18 all'Obelisco possono essere ritirati i pettorali.
Inoltre chi non avesse già fornito copia del certificato medico o non avesse provveduto al pagamento della quota d'iscrizione, deve portare le copie dei documenti e provvedere al pagamento.
Luca Saviano
 

copyright © 2014 il piccolo tutti i diritti riservati

 

Da il piccolo di Trieste di domenica 21 settembre 2014

2014 09 21 rampigada santa 03 il piccolo 1 WEB

IL VIA ALLE 10

Rampigada Santa, 278 iscritti

La Rampigada Santa torna per il terzo anno consecutivo. La manifestazione, organizzata dall'Associazione di promozione sociale Spiz propone oggi la conquista di una delle salite più impegnative della città: Scala Santa, un'erta che si arrampica dal popoloso rione di Roiano fino ai 343 metri dell'Obelisco.Il via della competizione, anche quest'anno aperta sia ai ciclisti che ai podisti, verrà dato alle 10 dal tratto iniziale di Scala Santa, nel cuore di Roiano, dove confluiscono via Villan de Bachino, via Montorsino e via Giusti. Le partenze si susseguiranno ogni 30 secondi in base all'ordine di iscrizione. E gli iscritti sono 278. Il percorso, per tutta la durata della manifestazione, verrà interdetto al traffico veicolare. Intanto la Rampigada Santa Village, uno spazio dedicato alla promozione e all'educazione alla mobilità e agli stili di vita sostenibili resterà aperto anche oggi per l'intera durata della kermesse.
 

IMMAGINARIO

Alla scoperta di luci e suoni

[...] In occasione poi della Rampigada Santa oggi, a partire dalle 10, l'Immaginario Scientifico sarà presente nel piazzale dell'Obelisco coni laboratori ludo-didattici. [...]
 

In trecento si sfidano sulle salite della Rampigada Santa

di Luca Saviano
 
2014 09 21 rampigada santa 03 il piccolo 2 WEB
Prende il via questa mattina, a partire dalle 10, la terza edizione della Rampigada Santa, la manifestazione organizzata dall'Associazione di promozione sociale Spiz che vedrà la conquista di una delle salite più impegnative della città: Scala Santa. Sono quasi 300 i concorrenti che, di corsa o in bicicletta, affronteranno gli oltre 2 mila metri di strada lastricata di sampietrini che, da Roiano, conduce ai 343 metri dell’Obelisco.
I coraggiosi dovranno affrontare una pendenza media del 16% che in alcuni punti supera il 21% e che, comunque, non scende mai sotto l’11%. Le partenze verranno date ogni 30 secondi dal tratto iniziale della ripida via, dove confluiscono via Villan de Bachino, via Montorsino e via Giusti.
Il percorso verrà interdetto al traffico per tutta la durata della manifestazione, mentre le premiazioni e le altre iniziative di questo evento si svolgeranno nello spazio del Rampigada Santa Village, all'interno del parcheggio dal quale parte la strada Napoleonica.
L’intera kermesse sportiva e culturale si inserisce fra le iniziative della Settimana europea per la mobilità sostenibile (European mobility week), con l’obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza e di promuovere l’utilizzo della “propulsione umana” per gli spostamenti urbani.
Luca Saviano
 

copyright © 2014 il piccolo tutti i diritti riservati

 

Da il piccolo di Trieste di lunedì 22 settembre 2014

2014 09 22 rampigada santa 03 il piccolo WEB

“Rampigada”, i più veloci Magli in bici e Nicolettis

Scala Santa teatro di gara ma anche di kermesse: exploit di Michela Facchin sul podio in entrambe le competizioni. Al traguardo atleti dai tre ai 75 anni

di Luca Saviano
 
Muscoli contratti per lo sforzo, respiro corto, facce stravolte che si sciolgono in un sorriso non appena oltrepassato il traguardo. La terza edizione della Rampigada Santa ha consegnato agli archivi una serie d’immagini che, da sole, sono in grado di raccontare una manifestazione che è competizione ma anche voglia di riappropriarsi di una strada, scala Santa, chiusa appositamente per lasciare passare i 278 iscritti, 124 in bicicletta e 154 a passo di corsa.
La formula dell’Associazione di promozione sociale Spiz, la stessa che organizza la Olimpiade delle clanfe, è ormai consolidata e vincente. Scala Santa ha un valore simbolico, è il personalissimo Zoncolan di ogni atleta triestino, con i suoi 2.000 metri lastricati di sampietrini che uniscono il quartiere di Roiano ai primi metri dell’Altipiano carsico, grazie a pendenze medie del 16%, con punte che sfiorano il 22%.
In una giornata graziata dalla pioggia ma tormentata dall'umidità, il più veloce è stato Alessandro Magli, atleta dell'Asd Barcella Giuliano, che ha coperto il percorso sulle due ruote in 11’08”, precedendo Michele Ermacora del Gs Aquileia, secondo in 11’45”, e il monfalconese della Rari Nantes Adria Andrea Mauri, terzo in 12’01”. Ottima prova e 16.mo posto assoluto per la triestina dei Gentleman Federica Bazzocchi, giunta al traguardo dell’Obelisco in 14 minuti netti, dopo essersi lasciata alle spalle parecchi colleghi maschi.
In seconda posizione, staccata di 3’16”, si è piazzata la cotturina Michela Facchin, che ha però optato per la doppia partecipazione, prima sulle due ruote e poi di corsa. Terza, in 18’39”, la portacolori dell'Ok3 Beatrice Skabar. Fra i runner, invece, il giovane friulano Giovanni Nicolettis ha fatto suo il primo posto in 13’03”, anticipando di soli 4 secondi il triestino Luca Lupieri, secondo davanti a Paolo Robba, terzo in 13’21”. In cima alla classifica femminile Giulia Schillani, prima in 14’33”, davanti alla triatleta Giulia Della Zonca, seconda in 14’53”, e a Michela Facchin, che con il terzo posto conquistato in 16’45” è riuscita a bissare il podio ottenuto con la bicicletta. Ma la Rampigada Santa non è vissuta solamente di agonismo esasperato, anzi.
Al traguardo si è visto un po’ di tutto: bimbi di 3 anni e giovani alternativi di 75 anni, biciclette con al seguito un cane e una capra tibetana (Macchia e Heidi), podisti mascherati, tandem arrugginiti e padri sfiniti dallo sforzo per aver portato in zaino la figlia di 20 mesi lungo tutto il percorso. E poi un tripudio di bandiere, che hanno colorato l’erta fin dai primi metri di pavè. Anche il redivivo “tram de Opcina” sembra avere apprezzato la kermesse ciclo-podistica, salutando i presenti con l’inconfondibile fischio a ogni passaggio, per la gioia dei tantissimi bambini presenti.
Luca Saviano
 

copyright © 2014 il piccolo tutti i diritti riservati

 

Da city sport WEB di Trieste di lunedì 22 settembre 2014

2014 09 22 rampigada santa 03 city sport 2

CICLISMO E PODISMO IN OLTRE 250 SI SONO SFIDATI SULLE DURISSIME RAMPE DA ROIANO A OPICINA

Rampigada Santo atto terzo

Atleti scatenati e tanto pubblico

La "Combinata Spiz" con l'Olimpiade delle Clanfe è stata vinta da Della Zonca e Deyme

Rampigada Santa. Basta la parola. La gara ciclistica e podistica, organizzata dall'Associazione Spiz, giunta quest'anno alla terza edizione, ha riscosso un altro successo.
2014 09 22 rampigada santa 03 city sport 1 WEB
E i numeri parlano chiaro. Sono stati oltre 250 gli iscritti alla gara, che prevede la terribile ascesa di Scala Santa, 2 km con pendenza media che supera il 17% (roba da Mortirolo per intendersi), ben 5000 invece le persone che nel corso della domenica hanno preso d'assalto il villaggio allestito all'Obelisco di Opicina, all'arrivo della corsa. Diamo uno sguardo alla classifica. Per quanto riguarda la cronaca della gara ciclistica maschile, ha vinto Alessandro Magli, che ha percorso i 2 durissimi km in 11'08", precedendo di una trentina di secondi Michele Ermacora. In campo femminile si è imposta Federica Bazzocchi. Per quanto riguarda invece la gara riservata ai podisti, vittorie per Giovanni Nicolettis (13'03", nono tempo assoluto) e Giulia Schillani. C'era poi in ballo il premio per la “Combinata Spiz”, per chi ha preso parte all'Olimpiade delle Clanfe e alla Rampigada Santa; premio (un soggiorno per due persone a Bled) vinto da Giulia Della Zonca e Paolo Deyme.
Tanti gli episodi simpatici in una giornata un po' troppo afosa per gli atleti, ma senza dubbio godibile per chi ha assistito alla competizione. "Abbiamo fatto il pieno di gente e di corridori molto forti - afferma il presidente della Spiz Mauro Vascotto - anche questa edizione della Rampigada è stato un vero successo".
 

copyright © 2014 city sport WEB tutti i diritti riservati

Contatti - Contacts

spiz logo spiz.it trasparente

spiz associazione di promozione sociale

via giacomo matteotti 20/a

34138 – trieste (italia)

codice fiscale 90123670326

iscrizione n.572 al registro regionale del friuli venezia giulia delle associazioni di promozione sociale (decreto n.8/cult dell'8 gennaio 2016)

phone: +39.339.3781703

site: www.spiz.it

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

social facebook logotwitter logogoogle+ logo

app livetriesteitrieste

Sostieni SPIZ

SPIZ è una Associazione di Promozione Sociale (A.P.S.) riconosciuta a livello istituzionale (iscrizione n.572 al Registro Regionale del Friuli Venezia Giulia delle Associazioni di Promozione Sociale con Decreto n.8/CULT dell'8 gennaio 2016).

SPIZ A.P.S. è costituita al fine di svolgere attività di utilità sociale a favore di associati o terzi, promuovendo e/o sostenendo progetti e attività qualificate, con finalità formative, educative, culturali e di ricerca.

SPIZ A.P.S. opera su base volontaria e senza finalità di lucro.

Ne consegue che per sviluppare le proprie attività ha bisogno dell'aiuto di tutti. Anche del Vostro.

Chiunque desiderasse sostenerci può farlo in qualsiasi momento scegliendo il metodo di sostegno preferito.

 
 
 
Donazione Libera tramite PayPal
 

Petizione Park Hotel Obelisco

 
 

249 CITTADINI

HANNO GIÀ ADERITO

 

SE ANCHE TU SEI D'ACCORDO

SOTTOSCRIVI LA PETIZIONE

signature white

Facebook SPIZ

Facebook Olimpiade dele Clanfe

Facebook Rampigada Santa