Olimpiade dele Clanfe

LoginRegister

xe gratis e xe pratico !

 

Da il piccolo di Trieste di mercoledì 22 ottobre 2014

2014 10 22 il piccolo clanfa migliora qualita vita WEB

L'articolo del quotidiano cittadino non parla di clanfe, anzi, declina i grandi successi statistici relativi alla qualità della vita a Trieste, che nonostante la grande incidenza di tumori, risulta essere ancora una delle migliori città d'Italia in cui poter vivere.

La cosa curiosa e che ci inorgoglisce, e non poco, è che per corredare questo articolo il piccolo ha scelto un'immagine della 7ª edizione dell'Olimpiade dele Clanfe con tanto di didascalia che recita «Anche la clanfa migliora la qualità della vita...»

Alta qualità della vita per stipendi pubblici e trasporti urbani

L’ultima indagine statistica “fotografa” il Benessere equo e solidale. Parametri spiazzantimatumori sempre record

di Gabriella Ziani

Stiamo benone, classifica dopo classifica dovremo farcene una ragione. L’ultima prova viene dall'Istat. Per la Giornata italiana della statistica (cadeva ieri) la Provincia e l’Istat hanno infatti presentato i primi risultati del progetto “Benessere equo e sostenibile” (Bes) delle Province (in Italia hanno aderito in 21 tra cui la nostra) che saranno discussi domani alle 9.30 in una tavola rotonda alla Sala Tessitori del Consiglio regionale di piazza Oberdan.
Il Bes in sostanza è la contromossa al Pil. Siamo a pezzi per Prodotto interno lordo? Pazienza, magari abbiamo lo stesso un Benessere equo e sostenibile, e se non lo abbiamo vuol dire che il peso del Pil lo ha già ucciso. Sembra che a Trieste le statistiche lo diano ancora per assai vegeto: abbiamo il 21,5% di bambini 0-2 anni che godono di servizi per l’infanzia (20,7% in Fvg, solo 13,5% in Italia), 416 chilometri di linee di trasporto urbano ogni 100 chilometri (in regione sono 278,4 e in Italia 120,8). I lavoratori dipendenti guadagnano mensilmente circa 185 euro in più dei lavoratori del resto del Fvg e 250 rispetto alla media nazionale (+8%). Anche i pensionati hanno 200 euro in più in regione e 250 in Italia (+20%). Superiamo tutti per laureati in discipline scientifiche e tecnologiche (14,8 ogni 1.000 abitanti, 11,7 in Italia). Non ci mancano il 59% di territorio “forestale”, una costa “tutta balneabile”, più edifici storici ben conservati, più musei in rapporto ai residenti, più volontariato, un numero più alto di acquisizioni di cittadinanza da parte di stranieri, e meno delitti rispetto al resto del Paese (203,3 ogni 10mila abitanti contro 259). In regione però su questo fronte ci difendiamo meno: l’indice Fvg infatti è di 179,7. Bene anche la bassa incidenza di incidenti stradali mortali, ma questo si giustifica col fatto che la più piccola provincia d’Italia ha anche il minor numero di “grandi strade”.
A presentare questo primo rapporto ieri al Magazzino delle idee c’erano la presidente della Provincia Maria Teresa Bassa Poropat, l’assessore Mariella De Francesco, due dirigenti e Roberto Costa dell’Istat. Il senso dell’operazione? «Basarsi su dati certi per indirizzare meglio le politiche amministrative».
Gli 88 indicatori toccano tutti i capitoli sensibili della vita individuale e collettiva: istruzione, formazione, lavoro, benessere economico, coesione sociale, politica e istituzioni, sicurezza, paesaggio, patrimonio culturale, ambiente, ricerca e innovazione, qualità dei servizi.
In questo rincuorante quadro, ci sono anche le notizie negative: anche l’Istat non contraddice il fatto che Trieste conserva il suo negativo primato dell’alto numero di tumori, però un’analisi statistica non è certo in grado di allegare i motivi, e perfino minore aspettativa di vita (un anno) rispetto al resto del Paese. Nonostante il nostro record di centenari.
È stato ricordato come le analisi nei paraggi della Ferriera non abbiano consentito di attribuire alle emissioni della fabbrica una diretta responsabilità. Per contro, l’alta incidenza di melanomi non ha bisogno d’indagini supplementari: i triestini prendono troppo sole e troppo a lungo.

copyright © 2014 il piccolo tutti i diritti riservati

Sostieni SPIZ

SPIZ è una Associazione di Promozione Sociale (A.P.S.) riconosciuta a livello istituzionale (iscrizione n.572 al Registro Regionale del Friuli Venezia Giulia delle Associazioni di Promozione Sociale con Decreto n.8/CULT dell'8 gennaio 2016).

SPIZ A.P.S. è costituita al fine di svolgere attività di utilità sociale a favore di associati o terzi, promuovendo e/o sostenendo progetti e attività qualificate, con finalità formative, educative, culturali e di ricerca.

SPIZ A.P.S. opera su base volontaria e senza finalità di lucro.

Ne consegue che per sviluppare le proprie attività ha bisogno dell'aiuto di tutti. Anche del Vostro.

Chiunque desiderasse sostenerci può farlo in qualsiasi momento scegliendo il metodo di sostegno preferito.

 
 
 
Donazione Libera tramite PayPal
 

Idea Park Hotel Obelisco

 
 

251 CITTADINI

HANNO GIÀ SCRITTO COSA FARE

 

TU COSA FARESTI?

signature white

 

Facebook SPIZ

Facebook Olimpiade dele Clanfe

Facebook Rampigada Santa