12ª Olimpiade dele Clanfe 2019 - STAMPA - Il Piccolo 28 luglio 2019

Login

xe gratis e xe pratico !

 

Olimpiade dele ClanfeSubscription

Da il piccolo di Trieste di domenica 28 luglio 2019

2019 06 01 olimpiade clanfe 12 il piccolo WEB

La kermesse giunge sotto la grandine alla sua dodicesima edizione
Il Re quest’anno è il dodicenne Delconte. Regina l’habitué Del Santo

“Olimpiade dele Clanfe”
La pioggia guastafeste non spegne il morbin
In gara 120 irriducibili

L'EVENTO

Francesco Cardella

Metti un pomeriggio d’estate funestato da pioggia e grandine, animato per quanto possibile dagli irriducibili cultori del tuffo “imperfetto” ma goliardico. Succede allo stabilimento balneare Ausonia, teatro ieri delle “Olimpiadi dele Clanfe” (con una sola “elle” per dare più nerbo alla matrice dialettale), edizione numero 12: la più tormentata della sua storia, incocciata negli strali climatici ma capace comunque di regalare qualche spunto, soprattutto quando il sole ha provato a illudere attorno alle 14.

Il prologo è bagnato inevitabilmente dal marchio della maschera triestina, Uolter la “Boba di Borgo”, con un Flavio Furian attorniato dai fan per la liturgia dei selfie. Prima del diluvio, il battesimo delle Olimpiade ha visto alla ribalta ancora Andrea Pisano, uno che in fatto di goliardia non ha rivali e che ama “sbeffeggiare” la disabilità e la sua sedia a rotelle con abbondanti porzioni di “morbin” dal trampolino. Canovaccio ripetuto anche ieri, con tanto di travestimento da Nella Ulcigrai, la mamma della stessa “Boba de Borgo”.

2019 06 01 olimpiade clanfe 12 il piccolo WEB

Le intemperie sono iniziate verso le 14.15 e senza mezze misure. Pioggia e grandine a profusione e nubi ancora in agguato per ulteriori stoccate. Così è stato, nonostante l’intrigante fuori programma offerto dalle libere evoluzioni dei cultori di Parkour sotto la pioggia. E mentre si ipotizzava un rinvio più che legittimo, gli organizzatori hanno optato per il proseguimento della manifestazione, deciso verso le 14.50 durante una lieve tregua del maltempo. Nel frattempo la corrente salta e con essa l’alimentazione del microfono, svolta che dipinge l’Olimpiade come un film muto e senza musica di fondo. Unico rimedio di fortuna la comparsa di un megafono. La gara si sviluppa, con in lizza 120 dei 176 attesi dopo le iscrizioni. Tra i più attesi all’agone Claudio Sterpin, 80 anni, qualche acciacco ma muscolatura eccellente: «Sono fortunato ad arrivare alla mia età in queste condizioni – ha premesso l’Azzurro d’Italia di atletica – lamento naturalmente qualcosa da “veci” ma alle Clanfe non rinuncio mai, per lo spirito e per il divertimento».

Divertimento sì ma con vincitori e vinti molto convinti nell’interpretare il tuffo secondo i canoni richiesti, ovvero stile, morbin (spirito) e capacità, all’impatto, nel provocare una gittata importante nello spruzzo d’acqua. Il Re delle Clanfe quest’anno ha 12 anni, si chiama Federico Delconte e si è affidato al personaggio tolkieniano di Gandalf. La Regina è una veterana, Virginia Del Santo, al suo quinto successo di fila. Il Premio “Morbin” va invece nella bacheca di una formazione padovana, ieri interprete all’altezza della saga della serie televisiva A-Team. La “Clanfa de Legno” è Alessio Babic. Omaggiata anche l’anagrafe: Sterpin è naturalmente il più “vecio” mentre al polo opposto troviamo Ryan Saksida di 5 anni e Veronica Blaskovic di 7. La prossima edizione sarà la numero 12. Superstizione e fato saranno i colori su cui giocare.—

I FOTOGRAMMI

Premio Polonio “collettivo” a tutti gli iscritti

Nelle immagini pubblicate in questa pagina alcuni dei momenti più “fotogenici” delle Olimpiadi dele Clanfe, che quest’anno si sono svolte anche nel segno del ricordo.
La 12.ma edizione della kermesse curata dall'Associazione Spiz è andata infatti comunque in scena, sfidando il maltempo, anche per onorare la memoria di Giorgio Polonio, uno dei soci della sigla organizzativa, scomparso nel dicembre dello scorso anno, a cui è stato dedicato il Premio Speciale Spiz.
E a proposito, allora. A chi è andato tale riconoscimento? A tutti, nessuno escluso. Il premio è stato infatti speciale, in tutti i sensi.
«Abbiamo pensato di assegnarlo idealmente ai 120 “clanfadori” che hanno resistito nonostante il maltempo», precisa a questo proposito Diego Manna: «È stata un’edizione difficile ma sarebbe stato ancor più difficile rinviare, anche a causa delle problematiche legate alle iscrizioni. Alla fine tutto è andato bene, anche in termini di sicurezza». (fr.card.). Fotoservizio di Massimo Silvano
 

copyright © 2019 il piccolo tutti i diritti riservati

Sostieni SPIZ

SPIZ è una Associazione di Promozione Sociale (A.P.S.) riconosciuta a livello istituzionale (iscrizione n.572 al Registro Regionale del Friuli Venezia Giulia delle Associazioni di Promozione Sociale con Decreto n.8/CULT dell'8 gennaio 2016).

SPIZ A.P.S. è costituita al fine di svolgere attività di utilità sociale a favore di associati o terzi, promuovendo e/o sostenendo progetti e attività qualificate, con finalità formative, educative, culturali e di ricerca.

SPIZ A.P.S. opera su base volontaria e senza finalità di lucro.

Ne consegue che per sviluppare le proprie attività ha bisogno dell'aiuto di tutti. Anche del Vostro.

Chiunque desiderasse sostenerci può farlo in qualsiasi momento scegliendo il metodo di sostegno preferito.

 
 
 
Donazione Libera tramite PayPal
 

Idea Park Hotel Obelisco

 
 

253 CITTADINI

HANNO GIÀ SCRITTO COSA FARE

 

TU COSA FARESTI?

signature white

 

Facebook SPIZ

Facebook Olimpiade dele Clanfe

Facebook Rampigada Santa